Legislazione applicabile e distacco UE

Per esigenze produttive e gestionali, legate alla globalizzazione dell'economia, i datori di lavoro possono richiedere ai propri dipendenti un periodo limitato di lavoro in un altro paese dell'Unione europea.

Il distacco+

Il distacco è lo strumento, previsto dalla normativa comunitaria, di promozione e aiuto alla libera circolazione dei lavoratori. Evita anche che la mobilità possa pregiudicare i lavoratori stessi.

Il distacco avviene quando un datore di lavoro in uno stato membro (stato d'invio) invia almeno un dipendente a lavorare in un altro stato membro (di occupazione). I dipendenti sono definiti lavoratori distaccati.

In base alla normativa comunitaria, per i lavoratori che si spostano nell'Unione europea, è prevista un'unica legislazione di sicurezza sociale. Il regime di sicurezza sociale è stabilito dalla legislazione dello stato membro di occupazione, tranne in caso di distacco, in cui si applica la legislazione dello stato di provenienza.

I vantaggi del distacco+

Il lavoratore rimane soggetto alla legislazione previdenziale del paese in cui opera normalmente (stato di invio) e mantiene una posizione assicurativa unica. Al momento del pensionamento, si evitano così gli svantaggi di una carriera assicurativa frammentata e le relative complicazioni amministrative per il disbrigo della pratica.

Il datore di lavoro è esonerato dal versamento dei contributi previdenziali nello stato di occupazione.

Condizioni per il distacco+

Per evitare un utilizzo improprio del distacco e prevenire possibili abusi, la normativa comunitaria prevede le seguenti condizioni di distacco legittimo (articolo 12, Regolamento CE 883/2004):

  • il datore di lavoro distaccante deve esercitare abitualmente l'attività nello stato di invio;
  • il lavoratore distaccato deve svolgere l'attività nello stato di destinazione, per conto del datore di lavoro;
  • la durata del lavoro non può superare i 24 mesi. Distacchi superiori richiedono l'autorizzazione delle autorità competenti degli stati membri interessati (articolo 16, Regolamento CE n. 883/2004);
  • il lavoratore non può sostituire un altro lavoratore giunto al termine del distacco.

Il documento portatile A1 certifica la legislazione applicabile al lavoratore e ne attesta l'assicurazione previdenziale nel paese dell'impresa distaccante.

Regolamenti comunitari+

La normativa comunitaria non crea un sistema previdenziale europeo, ma coordina le normative dei vari sistemi previdenziali nazionali e garantisce la tutela dei diritti di sicurezza sociale dei lavoratori migranti e l'esercizio del diritto alla libera circolazione dei cittadini europei.

La regolamentazione comunitaria di sicurezza sociale è immediatamente e direttamente applicabile ai paesi dell'Unione europea.

Di seguito i principali regolamenti comunitari che disciplinano la materia:

  • Regolamento (CE) n. 883/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, di coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale (versione consolidata del 8 gennaio 2013);
  • Regolamento (CE) n. 987/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, che stabilisce l'applicazione del Regolamento (CE) n. 883/2004, di coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale (versione consolidata dell'8 gennaio 2013);
  • Ulteriori regolamenti comunitari.

Decisioni della Commissione amministrativa+

A partire dal 1° maggio 2010, la Commissione amministrativa per il coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale ha adottato le seguenti decisioni sulle disposizioni della nuova regolamentazione comunitaria, in materia di legislazione applicabile e distacchi:

  • la decisione A1/2009 (pdf 717KB) introduce una procedura di dialogo e di conciliazione sulla validità dei documenti, la determinazione della legislazione applicabile e i benefici concessi ai sensi del regolamento 883/2004;
  • la decisione A2/2009 (pdf 715KB) stabilisce la legislazione applicabile ai lavoratori distaccati e ai lavoratori autonomi che lavorano temporaneamente al di fuori dello stato di competenza;
  • la decisione E3/2011, (pdf 703KB) stabilisce il periodo transitorio per l'attuazione del sistema EESSI (scambio elettronico di informazioni in materia di sicurezza sociale).

Circolari e messaggi INPS+

  • Circolare 19 settembre 2012, n. 115 sul Regolamento (UE) n. 465/2012: modifiche ai nuovi regolamenti comunitari e disposizioni in materia di legislazione applicabile
  • Circolare 13 agosto 2012, n. 107 sull'applicazione dei nuovi regolamenti comunitari alla Svizzera e ai Paesi  SEE. Legislazione applicabile e distacchi
  • Circolare 29 dicembre 2011, n. 167 sui nuovi regolamenti comunitari e Paper SED della serie A, in materia di legislazione applicabile e distacchi, e H (orizzontali)
  • Circolare 15 marzo 2011, n. 51 sul Regolamento (UE) n. 1231/2010
  • Circolare 17 settembre 2010, n. 124 di regolamentazione comunitaria: nuovi regolamenti comunitari e guida pratica “Disposizioni UE sulla sicurezza sociale – I diritti di coloro che si spostano nell'Unione Europea”
  • Circolare 3 agosto 2010, n. 105: guida pratica sulla legislazione applicabile
  • Circolare 21 luglio 2010, n. 99 di regolamentazione comunitaria : formulario A1 - disposizioni in materia di distacco durante il periodo di transizione tra il Regolamento ( CEE) n. 1408/71 e il Regolamento (CE) n. 883/2004 - informativa per le aziende e i lavoratori interessati
  • Circolare 1°luglio 2010, n. 83 sui nuovi regolamenti comunitari: disposizioni in materia di legislazione applicabile e distacchi.
  • Circolare 1° luglio 2010, n. 82 sui nuovi regolamenti comunitari: disposizioni di carattere generale
  • Circolare 3 dicembre 2013, n. 165 di regolamentazione comunitaria: Trattamento di adesione all'Unione europea tra gli Stati membri e la Repubblica di Croazia, in vigore dal 1° luglio 2013. Disposizioni in materia di legislazione applicabile.
  • Circolare 1° aprile 2014, n. 71 di regolamentazione comunitaria: nuovi regolamenti comunitari e proroga del periodo transitorio
  • Circolare 12 maggio 2015, n. 92 di regolamentazione comunitaria: Decisione n. 1/2014, del 28 novembre 2014, del Comitato misto istituito nel quadro dell'Accordo tra la Comunità europea e suoi stati membri e la Confederazione svizzera sulla libera circolazione delle persone. Applicabilità del Regolamento (UE) n. 465/2012 nei rapporti con la Svizzera. Disposizioni in materia di legislazione applicabile e distacchi
  • Messaggio 20 gennaio 2016, n. 218, modulistica UE: pubblicazione sul sito dell'Istituto dei modelli di richiesta del certificato di legislazione applicabile (A1)

Spazio economico europeo.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

Comunità economica europea.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

  1. Accedi al servizio

    Selezionando il pulsante puoi accedere direttamente al servizio o a un eventuale ulteriore menu di scelta.

  2. Indice

    Attraverso l'indice della pagina puoi selezionare ogni singola voce per accedere direttamente alla sezione di tuo interesse.

  3. Il contenuto della pagina

    In quest'area è presente il contenuto della pagina. Con il segno + puoi espandere la sezione che ti interessa.

  4. Accesso al servizio

    Selezionando il pulsante puoi accedere direttamente al servizio o a un eventuale ulteriore menu di scelta.