ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi.

TERMINE PER L'OPPOSZIONE A CARTELLA ESATTORIALE


La Corte di Cassazione, con sentenza n° 4506 del 27 febbraio 2007, ha chiarito la natura perentoria del termine di 40 giorni dalla notifica della cartella esattoriale per la proposizione di opposizione contro l'iscrizione a ruolo, previsto dall'art.24, quinto comma, dal decreto legislativo 46/99. Pertanto, decorso tale termine l'opposizione diventa improponibile.
Ciò in quanto, secondo la Corte, tale termine ha lo scopo di "rendere non più contestabile dal debitore il credito contributivo dell'ente previdenziale in caso di omessa tempestiva impugnazione ed a consentire così una rapida riscossione del credito medesimo".


Restano invece disciplinati dalle ordinarie norme del codice di procedura civile (art 615 e 617 c.p.c.) le opposizioni relative all'azione esecutiva, secondo quanto previsto dall'art 29, secondo comma, del medesimo decreto legislativo 46/99.(cfr. msg 005717 del 02/03/2007)