ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi.


Il pensionato non autosufficiente può beneficiare dell’accoglienza, residenziale o diurna, presso strutture specializzate, Rsa o Case protette. Presso tali strutture sono garantite prestazioni sanitarie di medicina generale e specialistica (con costi a carico del SSN o del pensionato) e prestazioni socio assistenziali di tutela alla persona (con costi a totale carico dell’Istituto).


A CHI SI SPETTA

Ai pensionati della Gestione Dipendenti Pubblici e/o ai loro coniugi conviventi, non autosufficienti, affetti da gravi patologie psicoinvolutive senili o altre patologie neurovegetative.


LA DOMANDA

Le caratteristiche della prestazione, le modalità di presentazione della domanda e i criteri di ammissione alla struttura possono essere letti sull’Avviso che verrà pubblicato nella sezione Avvisi e concorsi. Intanto, si tenga presente che:


La prestazione Residenzialità in Rsa è gestita dalle Direzioni regionali cui si rimanda per ulteriori informazioni di dettaglio.

Gli elenchi delle strutture vengono pubblicati mano a mano che le Direzioni regionali attivano le convenzioni in ambito locale.

La domanda, corredata di tutti gli allegati di cui si compone (certificazione delle condizioni di non autosufficienza, indicatore Isee , dichiarazione di assenza di specifiche forme di sostegno e dichiarazione di non fruizione di servizi sociali pubblici), va spedita - esclusivamente a mezzo raccomandata a/r - alla Direzione regionale nel cui territorio ha sede la struttura prescelta.

Le domande ricevute entro la fine di ciascun mese formano una graduatoria in base all’indicatore Isee e al grado di non autosufficienza del richiedente.

I richiedenti sono ammessi fino a esaurimento dei posti convenzionati e delle risorse economiche disponibili. Chi non è ammesso in prima battuta entra nella graduatoria dei mesi successivi.

Indicatore della situazione economica equivalente, che deriva dal rapporto tra l'ISE e il numero dei componenti del nucleo familiare in base a una scala di equivalenza stabilita dalla legge.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.