Denuncia contributiva

"ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi."


IMPRESE

Quali sanzioni vengono applicate se l'impresa presenta puntualmente la denuncia contributiva, ma paga i contributi in ritardo?

Al datore di lavoro che non effettua il versamento dei contributi entro i termini stabiliti dalla legge vengono addebitate somme aggiuntive, che maturano un relazione al ritardo nel versamento. In particolare, nel caso di "omissione contributiva", ossia di omesso o ritardato pagamento di contributi il cui ammontare è rilevabile dalle denunce e/o registrazioni obbligatorie, il datore di lavoro è tenuto al pagamento di una sanzione civile, in ragione d'anno, pari al tasso ufficiale di riferimento maggiorato di 5,5 punti fino ad un massimo del 40% dell'importo dei contributi dovuti e non versati alle scadenze di legge (oggi pari al 9,5%: 5,5 + TUR 4%). Dopo il raggiungimento del tetto massimo delle sanzioni civili, senza che l'impresa abbia provveduto all'integrale pagamento del dovuto, sul debito contributivo maturano interessi di mora al tasso attualmente fissato nella misura dell’ 8,4% in ragione annua.