Contributo per spese sanitarie

ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi.

Data: 24/12/2015

La prestazione è riservata agli iscritti alla Gestione magistrale, e consiste in un contributo corrisposto in modo proporzionale alla spesa sostenuta (da un minimo del 15% a un massimo del 35%), diverso a seconda della fascia Isee di appartenenza, desumibile dal modulo di domanda.


Sono ammesse le spese strettamente medico – sanitarie inerenti a prestazioni di qualsiasi tipologia, con esclusione di quelle aventi finalità puramente estetiche e di quelle medico – legali. Tra le spese sanitarie ammesse rientrano anche quelle per fecondazione assistita.


Le spese per essere ammesse a rimborso devono essere state sostenute non oltre i dodici mesi precedenti la data di presentazione della domanda.


Il contributo varia a seconda della fascia Isee alla quale si appartiene. Le fasce sono 4, come illustrate nella seguente tabella.



Reddito Isee
Da Euro A Euro Fascia
0,00 8.000,00
8.000,01 24.000,00
24.000,01 32.000,00
32.000,01 in poi

A chi spetta

Possono accedere alla prestazione iscritti e familiari conviventi e fiscalmente a carico:

  • il coniuge non legalmente separato;
  • i figli celibi o nubili, i genitori, i fratelli e le sorelle maggiorenni permanentemente inabili al lavoro;
  • il vedovo/a che non abbia contratto nuovo matrimonio e che era a carico dell’iscritto al momento del decesso;
  • gli orfani, anche se titolari di quota parte della pensione di reversibilità, ancorché tale quota superi i limiti fissati dalle vigenti disposizioni per la permanenza a carico.

La domanda

La domanda deve essere presentata esclusivamente in modalità telematica, accedendo all’area Servizi online di questo sito. Le richieste, da parte di ciascun nucleo familiare, possono essere avanzate a una distanza non inferiore a dodici mesi dall’ultima richiesta presentata. In caso di gravità si può derogare da tale norma. Alla domanda devono essere allegate:

  • autocertificazione attestante che il vedovo/a al momento del decesso dell’iscritto era a carico del medesimo, nel caso vengano presentate ricevute di spese sostenute in loro favore;
  • documentazione delle spese sostenute (in originale o in copia dichiarata conforme all’originale tramite dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà).

 

Indicatore della situazione economica equivalente, che deriva dal rapporto tra l'ISE e il numero dei componenti del nucleo familiare in base a una scala di equivalenza stabilita dalla legge.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

Soggetto che, a causa di infermità o difetto fisico o mentale, si trova nell’assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.