Accertamento con adesione

Il D. Lgs. 218/1997 prevede la possibilità che un accertamento delle imposte sui redditi e dell'imposta sul valore aggiunto, disposto nei confronti di un contribuente possa essere definito con l’adesione ad una proposta disposta dalla Amministrazione finanziaria.
In tal caso la stessa Amministrazione propone il pagamento delle imposte sui redditi (che ha effetto anche sull’imposta sul valore aggiunto) seguendo i principi enucleati nei commi 1 e 2 dell’art. 2 del Decreto di cui sopra, disponendo nel contempo un regime sanzionatorio agevolato per il contribuente.


Lo stesso Decreto stabilisce che: “l'accertamento definito con adesione non è soggetto ad impugnazione, non è integrabile o modificabile da parte dell’ufficio (salvo casi particolari indicati nel successivo comma 4) e … rileva per i contributi previdenziali ed assistenziali, la cui base imponibile è riconducibile a quella delle imposte sui redditi” (art. 2, comma 3).


In sostanza sul maggior reddito accertato occorre pagare i contributi previdenziali omessi.
Evidentemente il reddito in argomento da considerare, ai fini previdenziali, deve essere esclusivamente quello d’impresa da assoggettare ai fini IRPEF per gli artigiani ed i commercianti, mentre per i liberi professionisti il reddito professionale.


In caso di adesione sulle somme dovute a titolo di contributi previdenziali ed assistenziali non si applicano sanzioni ed interessi.


Per la riscossione dei contributi è stato concordato con l’Agenzia delle Entrate di utilizzare il modello F24 contrassegnato dai seguenti codici (Circolare 98 del 28/05/2002):

  • APMF per la gestione artigiani;
  • CPMF per la gestione commercianti;
  • LPMF per la gestione separata liberi professionisti;

Il modello F24 generalmente è già prestampato dall’Agenzia completo di tutti i suoi elementi, in ogni caso la sezione Inps deve essere compilata secondo le seguenti modalità:


codice sede causale contributo matricola INPS/codice INPS/ filiale azienda periodo di riferiemento: da mm/aaaa a mm/aaaa importi a debito versati
xxxx APMF codice fiscale titolare 01/2003 12/2003 € x.xxx,xx
xxxx CPMF codice fiscale titolare 01/2003 12/2003 € x.xxx,xx
xxxx LPMF codice fiscale titolare 01/2003 12/2003 € x.xxx,xx

ITER AMMINISTRATIVO


Il procedimento inizia con l’invio al contribuente dell’invito a comparire nel quale sono indicati i periodi di imposta suscettibili di accertamento, il giorno e il luogo della comparizione per definire l'accertamento con adesione, accompagnato dalla determinazione induttiva dei ricavi e dei compensi effettuata dalla amministrazione finanziaria (art. 5 D. Lgs. 218/1997).

Qualora al contribuente sia notificato un avviso di accertamento o di rettifica, non preceduto dall’invito di cui sopra, è allo stesso consentito di presentare richiesta in carta libera per ottenere la formulazione di una proposta di accertamento per adesione.
Entro quindici giorni dalla ricezione dell'istanza, l'ufficio, anche telefonicamente o telematicamente, formula al contribuente l'invito a comparire.
Tale richiesta sospende per novanta giorni i termini per impugnare l’accertamento fiscale dinanzi alla Commissione Tributaria.
La proposizione del ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale comporta l’automatica rinuncia alla eventuale proposta di accertamento per adesione.


Se, invece, il contribuente decide di aderire all’accertamento con adesione viene redatto un atto scritto in duplice esemplare che deve essere sottoscritto dal contribuente e dal capo dell'ufficio o da un suo delegato.
Nell'atto sono indicati, separatamente per ciascun tributo, gli elementi e la motivazione su cui la definizione si fonda, nonché la liquidazione delle maggiori imposte, delle sanzioni e delle altre somme eventualmente dovute, anche in forma rateale.


Entro venti giorni dalla sottoscrizione dell’atto di cui sopra deve essere eseguito il versamento delle somme dovute in unica soluzione o in un massimo di otto rate trimestrali di pari importo.
Qualora l’importo complessivamente dovuto superi € 51.654,69 (già £ 100.000.000) è possibile estendere il pagamento fino a dodici rate trimestrali.
In ogni caso, se il contribuente si avvale della possibilità di rateizzare il debito l’importo deve essere maggiorato degli interessi al saggio legale e deve essere prestata idonea garanzia (fidejussione o cauzione) per il periodo della rateazione maggiorato di un anno.


Entro dieci giorni dal predetto versamento il contribuente deve far pervenire, all’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate territorialmente competente, la quietanza di pagamento e la documentazione relativa alla cauzione o alla fidejussione.


In caso di mancato rispetto delle modalità di cui sopra, il competente ufficio dell’Agenzia delle entrate provvede all’iscrizione a ruolo delle somme, comprensive di interessi e sanzioni, a carico del contribuente e dello stesso garante (qualora non venga versato l'importo garantito entro trenta giorni dalla notificazione di un apposito invito da parte dell'Amministrazione finanziaria).


RICORSI


 

Avverso l’avviso dell’Agenzia delle Entrate può essere presentato ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale entro sessanta giorni dalla notifica del provvedimento, tenendo conto della sospensione dei termini nel periodo feriale (1 agosto – 15 settembre) (art. 21 D lgs. 546/92).
La proposizione del ricorso comporta l’automatica rinuncia alla eventuale proposta di accertamento per adesione.



Imposta sul reddito delle persone fisiche.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.
  1. Percorso di navigazione

    Le voci indicano la posizione della pagina nell'alberatura del portale, permettendo la navigazione veloce a ritroso.

  2. Il menu di sezione

    In quest'area sono presenti le principali voci della sezione. Il simbolo "+" indica la presenza di sottosezioni. Con un clic su una voce puoi accedere al contenuto.

  3. I pulsanti di servizio SALVA e STAMPA

    Con i due pulsanti puoi scegliere di salvare il contenuto in formato PDF o stamparlo direttamente.

  4. Filtrare i risultati

    In quest'area è possibile scegliere la modalità di visualizzazione delle notizie (griglia o lista) e filtrare i risultati tramite una ricerca libera inserendo parole chiave o periodo di pubblicazione negli appositi campi.