Scambio elettronico EESSI

Data: 10/12/2015

Scambio elettronico di informazioni in materia di sicurezza sociale (EESSI - Electronic exchange social security information)


Attualmente le istituzioni degli Stati comunitari si scambiano le informazioni attraverso i formulari cartacei di collegamento. I nuovi regolamenti tuttavia prevedono che gli scambi di dati debbano avvenire in futuro per via telematica utilizzando il sistema europeo EESSI (Electronic Exchange Social Security Information o Scambio elettronico di informazioni in materia di sicurezza sociale), attraverso la compilazione automatizzata di specifici documenti elettronici strutturati (Structured Electronic Documents o SEDs), che sostituiranno gradualmente gli attuali formulari cartacei.


 

I SED contenenti le informazioni relative alle singole pratiche, saranno trasmessi dall’istituzione di uno Stato a quella di un altro Stato attraverso “punti di accesso” centralizzati (“Access Point”), che svolgeranno funzioni di punto di contatto elettronico.

 


Per l’Italia, secondo quanto disposto con decreto del 29 gennaio 2009 emanato dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, relativo all’istituzione degli “Access Point” per l’applicazione del regolamento n. 883/2004, sono stati designati i seguenti “punti di accesso”:


1) Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali (attualmente Ministero della Salute) - “punto di accesso” per tutte le istituzioni competenti in materia di cure mediche;


2) INAIL - “punto di accesso” per le prestazioni in materia di infortuni sul lavoro e malattie professionali e per tutte le istituzioni che erogano prestazioni dello stesso tipo;


3) INPS – “punto di accesso” per le prestazioni pensionistiche e a sostegno del reddito di natura previdenziale ed assistenziale e per tutti gli enti pubblici e privati che erogano prestazioni dello stesso tipo, nonchè per le prestazioni previdenziali dei dipendenti pubblici.


Pertanto, attraverso il “punto di accesso” costituito presso l’INPS perverranno dagli organismi esteri e saranno inoltrati agli organismi esteri per via telematica i dati relativi alla legislazione applicabile, alle domande di prestazioni pensionistiche e a sostegno al reddito di competenza di questo Istituto, compreso l’ex INPDAP, dell’INPGI, dell’ENPALS e delle Casse professionali.


Per consentire un passaggio graduale dallo scambio di informazioni per via cartacea allo scambio di informazioni per via telematica che possa soddisfare le esigenze organizzative delle Istituzioni degli Stati membri è stato previsto un periodo transitorio di due anni (1° maggio 2010 - 30 aprile 2012), prorogato al 30 aprile 2014 con Decisione della Commissione Amministrativa n. E 3 del 19 ottobre 2011, durante il quale vengono utilizzati , in alcuni settori di sicurezza sociale, anche i c.d. Paper SED, formulari cartacei provvisori.

  1. Percorso di navigazione

    Le voci indicano la posizione della pagina nell'alberatura del portale, permettendo la navigazione veloce a ritroso.

  2. Il menu di sezione

    In quest'area sono presenti le principali voci della sezione. Il simbolo "+" indica la presenza di sottosezioni. Con un clic su una voce puoi accedere al contenuto.

  3. I pulsanti di servizio SALVA e STAMPA

    Con i due pulsanti puoi scegliere di salvare il contenuto in formato PDF o stamparlo direttamente.

  4. Filtrare i risultati

    In quest'area è possibile scegliere la modalità di visualizzazione delle notizie (griglia o lista) e filtrare i risultati tramite una ricerca libera inserendo parole chiave o periodo di pubblicazione negli appositi campi.