Lavoro agricolo autonomo - La domanda

ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi.

 

LA DOMANDA


La domanda di iscrizione alla gestione previdenziale viene presentata:

  • In caso di prima iscrizione entro 90 giorni dall’inizio dell’attività che decorre da data certa (atto di compravendita, contratto di affitto o comodato, termine di precedente attività lavorativa ecc.).
  • In caso di variazione nella composizione del nucleo familiare o del domicilio, della superficie, della coltura del reddito dei terreni condotti, o dei capi di bestiame allevati che possono determinare un aumento o diminuzione del reddito agrario collegato alle fasce di contribuzione. Anche in questo caso entro 90 giorni dall’avvenuta variazione.
  • In caso di cancellazione entro 90 giorni dalla cessazione dell’attività causata dalla mancanza dei requisiti oggettivi e soggettivi; decesso, cambio di attività, vendita dei terreni, ridotta capacità lavorativa ecc.

N.B.: Il pensionamento del soggetto non è causa di cancellazione dalla gestione previdenziale, qualora l'attività continui ad essere svolta.


MODALITÀ ISCRIZIONE


Con l'entrata in vigore della ComUnica, anche per la nascita dell'impresa agricola autonoma (CD e IAP), si dovrà usare esclusivamente questo canale telematico.

Tuttavia questo adempimento sarà obbligatorio a partire dal 30/04/2010.

Successivamente verranno predisposti i relativi canali telematici affinché attraverso ComUnica, valorizzando l'apposita sezione, sarà possibile comunicare l'inizio attività , variazione e cancellazione del titolare .

Invece per l'iscrizione o cancellazione dei collaboratori , gli utenti potranno utilizzare in modo facoltativo il canale telematico di ComUnica o in alternativa la modalità cartacea.

Quest'ultima sarà ancora valida per tutte quelle comunicazioni che non riguardano informazioni utili al Registro d'Impresa.

La domanda di iscrizione viene compilata e presentata secondo lo schema e modalità descritte nelle circolari Circ. n. 128/2002 e Circ. n. 65 /2002.

L’Inps, effettuate le opportune verifiche, comunica l’accoglimento o il diniego entro 90 gg. a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno. Il termine si interrompe solo qualora vengano richieste ulteriori informazioni o documenti.

Decorsi i 90 gg., senza alcuna interruzione, la domanda è tacitamente accolta. Contro la decisione si può presentare ricorso alla Commissione Centrale per l’Accertamento e la Riscossione dei Contributi Agricoli tramite la Sede che ha emesso la decisione.


COMPETENZA TERRITORIALE


Il lavoratore agricolo deve essere iscritto negli elenchi del Comune ove è ubicata la maggiore estensione dei terreni.(L.233/90), e se i terreni occupano il territorio di più comuni appartenenti a province diverse, la competenza è attribuita alla Sede ove fa capo il Comune con la maggiore estensione dei terreni.