Detrazione I.N.P.S.

Perché sulla pensione viene applicata la detrazione I.N.P.S.?

Il servizio fuori ruolo prestato dai dipendenti postali degli uffici locali ed agenzie (personale U.L.A.) era riscattabile ai sensi dell'art. 2 della Legge n. 4/1960. Tale forma di riscatto, a differenza di quanto previsto dall'art. 11 del D.P.R. n. 1092/73, applicabile a tutte le altre Amministrazioni statali, non comportava l'annullamento della posizione presso l'I.N.P.S. ma rimaneva efficace a tutti gli effetti, dando diritto al raggiungimento dell'età prevista dalla vigente normativa (65 anni di età per gli uomini e 60 anni di età per le donne) ad una pensione supplementare da parte dell'INPS. In forza di detta disciplina, il pensionato, al momento del raggiungimento del requisito anagrafico sopra indicato, deve presentare domanda di pensione supplementare all'I.N.P.S. e l'Ipost, deve detrarre, ai sensi dell'art. 5 della legge n. 4/60, la quota parte di pensione liquidata dall'INPS. In alternativa l'interessato, entro 30 giorni dal sorgere del diritto alla pensione supplementare, può presentare, ai sensi del citato art. 24 del D.Lgs. n. 85/93, istanza di rinuncia all'INPS che, in caso di accettazione, versa all'Ipost la riserva matematica relativa a detta pensione.